Oblivium, un fantasy all’italiana

Oblivium, un fantasy all’italiana
Autore: Martina Battistelli
Titolo: Oblivium
Genere: Fantasy, young adult
Editore: Lettere Animate
Prezzo: 15€ cartaceo/ 2,99€ eBook

Trama:
Alice Jackson ha sempre avuto tutto ciò che desiderava. Ricchezza, popolarità e rispetto erano gli ingredienti principali della sua ricetta per una vita perfetta. Una vita, però, priva di amore. Una tragedia le strappa quel che era rimasto della sua famiglia e decide di fuggire. Si trasferisce a Nottingate, una piccola cittadina dello stato di New York, dove troverà le risposte alle sue domande. Alice non è mai stata una normale adolescente: qui scoprirà di avere capacità straordinarie e di far parte degli Ultimi.Ma una profezia si è diffusa tra la sua gente: il mondo degli Ultimi è in pericolo, e solo lei può cambiarne la sorte, perché è più potente di ognuno di loro. Inizia, per Alice, un tortuoso viaggio alla scoperta di se stessa e di quella vita che non aveva mai visto sotto la giusta prospettiva. Il suo muro di apatia verrà abbattuto da un sentimento infinitamente più forte: l’amore per l’essere più puro che Alice abbia mai incontrato e l’unico in grado di accompagnarla in questo percorso di rinascita.Durante questo viaggio, tra amicizia, amore, morte e tradimenti si delineerà una nuova esistenza complessa e dolorosa, ma anche sorprendente e appagante, se lei avrà il coraggio di affrontarla con la giusta dose di passionalità. Imparerà che una vita senza sentimenti non è vita, ma solo sopravvivenza.

Recensione:
Il fantasy me lo mangio a colazione dall’età di undici anni. E di italiano in giro ne vedo molto poco. Martina Battistelli è riuscita a creare una storia avvincente, seppur dalla trama forse molto più semplice di quella che si vuole far intendere da principio. Sin dai primi capitoli la scrittura dell’autrice risulta essere chiara e scorrevole, arrivandoti a far leggere pagine su pagine in pochissimo tempo. La scrittura risulta chiara e senza troppi artifici, parole messe al punto giusto e nel momento giusto, seppure Alice – la protagonista – spesso parla per aneddoti romazieri o filmici. Probabilmente difficili da cogliere per chi non è pratico di questo genere. Di primo impatto direi che la storia si avvicina molto a quella di Shadowhunters, il che non è un male – anche perché i libri li ho divorati. Ciò nonostante ha sempre qualcosa di unico, di suo che lo rende anche totalmente diverso. Il finale, che probabilmente poteva sembrare scontato, in realtà si rivela tutt’altro lasciando il lettore in sospeso e voglioso di comprare il secondo volume. Si, c’è un seguito andate tranquilli! Insomma, tutto all’italiana seppure l’ambientazione sia estemporanea dal bel Paese.
I temi trattati dall’autrice sono diversi che vanno dal significato di perdere una persona cara, a quello del primo amore, dell’amicizia e infine ma non il meno importante è quello del bullismo, del quale se ne parla in larga scala per tutto il romanzo. Non posso far altro che consigliarlo agli amanti del genere ma anche a chi, per la prima volta, si vuole addentrare all’interno del mondo fantastico.
E, adesso corro a leggere il secondo volume!

 

Oblivium, un fantasy all’italiana ultima modifica: 2018-01-09T13:20:26+00:00 da pechroseblog

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.