I pidocchi: come prevenire e combatterli

I pidocchi sono parassiti di colore grigio e di piccole dimensioni (2-5 mm di lunghezza) che per vivere si nutrono di sangue, per questo sono sempre alla ricerca di un luogo caldo e sicuro dove crescere e proliferare come è appunto il nostro cuoio capelluto.

È la femmina a deporre le uova, dette lendini, che si schiudono in un periodo di tempo compreso tra 6 e 12 giorni.

Le lendini hanno un colore tendente al bianco e si possono confondere con la forfora, anche se a differenza di quest’ultima hanno una forma sempre ovoidale e aderiscono al capello.

Essi si diffondono al contatto diretto con testa e capelli di una persona che già li ha ma, si può essere contagiati sono usare spazzole, pettini, cappelli, sciarpe, lenzuola o asciugamani di persone infestate, la trasmissione da persona a persona è evidente che si è più a rischio in luoghi molto frequentati dove il contatto con gli altri è più stretto e frequente, asili, scuole, palestre, centri sportivi.

La prevenzione è un’arma molto efficace anche nei confronti dei pidocchi.

Come prevenire i pidocchi?

Esistono alcuni gesti che possiamo mettere in pratica con una certa regolarità in modo da prevenire la comparsa dei pidocchi o fare in modo di accorgerci prima della loro presenza avendo dunque la possibilità di eliminarli con più facilità:

Controllare periodicamente la testa

E’molto importante, soprattutto se si hanno bambini piccoli che frequentano nidi, asili, scuole, attività varie che in famiglia si controlli periodicamente la testa.

I punti da osservare con maggiore attenzione sono la nuca e le tempie e ricordatevi di farlo sempre in un luogo illuminato con luce diffusa.

Se diretta, infatti, la luce potrebbe mimetizzare le uova bianche. Meglio anche procedere al controllo quando i capelli sono bagnati.

Aggiungere tea tree oil allo shampoo

Alcuni oli essenziali sono utili per tenere lontani i parassiti, ne basta1/2 gocce da diluire nella dose di shampoo che si utilizza per il lavaggio.

Aggiungere olio essenziale di lavanda allo shampoo

Possiamo però anche fare affidamento sui rimedi della nonna ossia quelli naturali contro i pidocchi come: l’olio di neem considerato un potenziale alleato nella lotta contro i pidocchi.

A scoraggiare l’insediarsi dei parassiti sulla cute e tra i capelli sarebbe prima di tutto il suo odore, spesso poco tollerato anche da parte delle persone. Alcune gocce di olio di neem potranno essere passate sul cuoio capelluto e tra i capelli dei bambini prima di andare a scuola. Il punto di applicazione su cui insistere maggiormente è costituito dall’attaccatura dei capelli.

In fase di prevenzione, se ad esempio la scuola frequentata dai vostri figli è interessata da un allarme pidocchi, è considerato utile aggiungere allo shampoo abituale alcune gocce di olio essenziale di eucalipto, che per via del suo profumo e delle sue proprietà è considerato in grado di tenere lontani i parassiti.

Altro prodotto adatto a scongiurare l’arrivo dei pidocchi è l’olio essenziale di tea tree. Gli oli essenziali sarebbero inoltre in grado di provocare nei pidocchi delle vere e proprie crisi respiratorie.

Aceto

E’possibile rafforzare l’azione dello shampoo addizionato con oli essenziali eseguendo dopo ogni lavaggio un risciacquo con aceto bianco o aceto di mele.

Mezzo bicchiere d’aceto potrò essere diluito in una caraffa contenente un litro d’acqua.

I pidocchi non amano l’odore dell’aceto, ma resta il fatto che esso scompare rapidamente.

Il risciacquo all’aceto può rappresentare comunque un aiuto in più da non sottovalutare.

L’aceto veniva utilizzato anche come rimedio tradizionale per facilitare la rimozione delle uova

Prodotti biologici

Esistono in commercio prodotti certificati come biologici e a base di ingredienti completamente naturali volti a prevenire l’insediarsi dei pidocchi ed a trattare la situazione senza irritare la pelle dei più piccoli.

Essi possono comprendere shampoo attivi, oli per capelli, lozioni e trattamenti completi comprensivi di pettini adatti all’eliminazione dei pidocchi.

Pettine a denti fitti : Dopo l’applicazione di un trattamento anti-pidocchi naturale, nel caso siano già presenti le uova, sarà necessario agire pettinando la chioma con un pettine a denti molto stretti, preferibilmente in metallo.

I pidocchi possono essere molto piccoli ed è dunque consigliabile l’impiego di una lente d’ingrandimento per individuare la loro presenza.

Si consiglia solitamente di immergere il pettine nell’aceto o nell’olio d’oliva per facilitare l’operazione di rimozione di uova e parassiti, così come l’impiego di guanti.

Gli indumenti indossati e gli eventuali asciugamani utilizzati durante le operazioni di rimozione dei pidocchi dovranno essere lavati a 60 gradi per avere la certezza di eliminare da essi i parassiti.

I pidocchi potrebbero diffondersi dai bambini agli altri membri della famiglia. È dunque consigliabile che ognuno si sottoponga ai trattamenti preventivi naturali al fine di riuscire ad evitare un simile rischio. Essi sono parassiti che si nutrono di sangue umano attraverso la cute, che viene perforata per raggiungere i vasi sanguigni.

pidocchi

pidocchi

Anna Pappalettera

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.